Tu non sei andato su una stella. Sei andato in un cuore pieno di gioia.

Spesso cerchiamo di spiegare le cose ai bambini,

nel modo migliore, per quanto ci riesce.

Ci sforziamo di trovare le parole che gli facciano comprendere la morte,

la perdita di una persona cara, senza devastarli.

Così gli diciamo  “tuo nonno è andato su una stella…”

e loro la sera, la cercano, mandano un bacio,

ti chiedono se è proprio quella.

Ma poi, all’improvviso, in una sera come tante,

la risposta, quella vera, te la danno  loro:

“Non è andato su una stella, mamma,

è andato in un cuore pieno di gioia”.

E pensi che tu hai fatto di tutto per mostrargli

una realtà difficile da accettare,

per renderla meno crudele.

Ma la risposta più semplice

e soprattutto quella più autentica, loro già ce l’hanno.

Con il loro pensiero di bambini,

che più del nostro si avvicina alle cose.

Si, le persone care che ci lasciano non potrebbero stare in un posto più bello.

In un cuore pieno di gioia.

Per questo ci chiedono di essere felici,

perché la nostra felicità è la loro casa.

 


The following two tabs change content below.
Autrice del libro "Vento fresco" e mamma di due bambine
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *