Articoli

Quei buchi di solitudine, in cui andare a guardare.

 

La settimana scorsa ho accompagnato mia madre a fare una visita medica,

per testare il suo cuore.

Il dottore non ha voluto che entrassi con lei,

mentre la sottoponeva a una prova da sforzo.

Continua a leggere

Sono poche le cose che contano

Non sono una cattolica praticante.

Vivo la religione in modo molto intimo, altalenante.

Mi dà conforto.

Pensare che ci sia qualcuno a cui siamo cari, che ci accompagna.

Continua a leggere

Dove va il dolore

 

 

In questi giorni difficili per me,

penso spesso a dove va a finire il dolore.

 

Tutte le parole che ci hanno ferito,

la delusione, gli sguardi che ci hanno escluso.

L’impotenza che abbiamo provato

quando la vita ha svoltato all’improvviso.

Gli errori e le fragilità che non ci hanno fatto tornare indietro.

Continua a leggere

Quella normalità preziosa

E poi incontri quelle persone.

Quelle mamme come te, ma che si sono fermate.

Che di fronte alla malattia del proprio figlio,

hanno visto cambiare, all’improvviso, tutta la vita.

 

Continua a leggere

un anno di blog

È passato un anno.

Ho iniziato a scrivere sul mio sito, come per una necessità.

Di tirare fuori.

Metabolizzare fatti ed emozioni.

Continua a leggere

Sei nata in un giorno di musica e danze

Sei nata in un giorno di musica e danze.

Ballava la luna nel cielo mentre correvo in ospedale. Come un’enorme palla luminosa e piena.

Ballavano gli alberi mossi dal vento di ottobre.

Ballavi tu, ti rigiravi nella mia enorme pancia, nelle acque rotte durante il sonno.

Continua a leggere

con occhi di madre

Le mie bimbe sono fortunate.

Non sanno cos’è la guerra se non dalle immagini che vedono in televisione.

E per loro sono storie lontane, quasi irreali,

perché è impossibile raccoglierne nella mente la devastazione.

Continua a leggere