Quante rughe hai?

Illustrazione di Maria Tucciariello

Quante rughe hai?
Tante.

Mi porto addosso
le rotte infinite del mare,
la profondità della terra,
la mappa del cielo.

Estese scie di stelle
mi disegnano il viso

Alcune sono barlumi di lacrime,
profonde come i baratri
in cui ho dissotterrato la luce.

Altre sono antri misteriosi,
territorio di affanno e attesa.

Orbite di desideri
si agganciano agli occhi
come ai pianeti.

Le rughe più belle sono sottili,
fili di seta tessuti dai sorrisi,
reti lanciate sulla speranza,
arpioni che ho teso alla fiducia

Sto seminando sulla carne
ogni traccia dei giorni felici.

Farò di ogni svirgolo di bacio
una spiga di grano.


Felicia Lione

The following two tabs change content below.
Ci sono due modi per abbracciare l'impossibile: scrivere e disegnare. Io ci provo, ogni giorno.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.