Noi due, nonno.

 

Sai perché mi piace averti vicino, nonno?

Accanto a te il tempo si ferma.

Tu non sembri così grande

ed io non sono più tanto piccolo.

Le nostre mani, quando si prendono,

hanno questo potere.

Afferrano la vita tutta intera,

la prendono in giro.

Non c’è passato, né futuro.

Tutto è sospeso nei nostri occhi

che ci fanno uguali.

Noi due, nonno,

abbiamo bisogno di poco.

La vita, neanche la guardiamo.

È lei a fermarsi.

Sorride mentre giochiamo.

 

Felicia Lione

 

il mio romanzo: BACIO LE VIOLE

Questa è la storia di Viola e del suo nome.
Un nome che ha adorato e poi odiato.
Delle volte che si è sentita persa e se n’è allontanata
e di come gli è stato restituito, ogni volta che qualcuno l’ha fatta rifiorire
facendola sentire amata.
The following two tabs change content below.
Ci sono due modi per abbracciare l'impossibile: scrivere e disegnare. Io ci provo, ogni giorno.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.