Un calcio alla vecchiaia

Oggi in ospedale un simpatico novantenne, ricoverato nella stanza con mio padre, mi ha detto: “tu si na fimmina mascula”. Che, detto da un sostenitore della superiorità maschile, è un grande complimento. Continua a leggere

In ogni cambiamento c’è un’energia nuova

Sono meravigliosi gli alberi d’autunno.

Sanno spogliarsi del passato, maestosi.

Lasciano cadere le foglie ed è un rito per prepararsi al nuovo.

Continua a leggere

la tristezza mi fa schifo

Ci sono persone che hanno tanto da insegnare.

Anche se sono giovanissime e la vita è ancora tutto un percorso da fare.

Hanno dentro qualcosa che non deriva dall’esperienza, dalla cultura,

ma che è nata con loro.

Continua a leggere

I Quindici, i libri del come e del perché.

I Quindici-dal volume “Racconti e fiabe”

 

Il regalo più bello che mi ha fatto mia madre,

“i Quindici”, i libri del come e del perché.

Un’enciclopedia per ragazzi, che è arrivata a casa mia nel 1976.

Continua a leggere

Come l’ombra di un bacio lasciato, l’amore rimane.

Mi è capitato di incontrare un ragazzo.

Da pochi mesi aveva perso la mamma, giovanissima, portata via da un tumore.

Ci siamo fermati un po’ a chiacchierare, della scuola,

del nuovo anno scolastico appena iniziato.

 

Guardavo i suoi occhi bellissimi, pieni di vita. E di dolore, nascosto, messo da parte per continuare.

Continua a leggere

Quando l’anima di una persona cara ritorna. Attraverso una voce bambina.

Le persone che se ne sono andate, a volte, riprendono a parlarci.

Attraverso canali inaspettati ritornano, si aprono una strada per venirci incontro,

ritrovare i sorrisi, le voci familiari.

 

Continua a leggere

Quella cicatrice sul cuore

È un piccolo sasso a forma di cuore.

Con un segno evidente su un lato.

 

L’ha trovato sulla spiaggia mia figlia Maria.

Questo è il tuo cuore, ha detto ieri alla nonna appena tornata dall’ospedale, dopo un infarto.

E questa  è la cicatrice che ti sei fatta, nonna.

Ma il cuore è ancora intero vero?.

 

Continua a leggere

Il fiume Bussento, che incanta i bambini e diventa maestro di vita

È il fiume dei bambini, il Bussento. Li guida in un territorio che vedono per la prima volta, li incanta con la sua forza, Gli mostra la bellezza ed il pericolo, la potenza e la fragilità.

Si sta bene tra sorelle

 

Si sta bene tra sorelle.

Anche se la vita ti porta lontano, ognuna segue la sua strada, il suo destino.

 

Ma poi, ogni tanto, ci si ritrova, anche solo per poche ore,

e si ritorna a quel “nido”.

Lo stesso di quando eravamo bambine.

Continua a leggere

La nostra primavera

Io sono fortunata.

Vivo in un piccolo paese, immerso in uno scenario naturale unico.

 

Certo abitare qui ha anche le sue difficoltà.

Facciamo ogni giorno, in macchina, chilometri di curve per portare le bambine a scuola (e la mia bimba, la più piccola, soffre terribilmente il mal d’auto).

Qui non ci sono palestre, scuole di ballo, piscine. Non ci sono corsi di inglese da seguire, molte feste a cui partecipare.

 

Ma abbiamo la natura.

E ora che la primavera inizia ad arrivare ce la godiamo tutta.

Continua a leggere