Bimbi irrequieti e ribelli. Forse hanno solo bisogno di coccole.

ribelli

Li sgridiamo perché non ubbidiscono.

E  loro ci lanciano uno sguardo provocatorio o ci ignorano del tutto.

Sono iperattivi, se ne inventano una nuova quando meno ce l’aspettiamo,

aggiungendo capriccio a capriccio.

E non basta alzare il tono della voce,

fare l’espressione seria e arrabbiata,

non  basta minacciare punizioni.

 

Perché forse quello che vogliono è proprio farci perdere la pazienza.

 

Per dirci , con le parole e i gesti che conoscono”Sono qui”.

Voglio sentire che non sei altrove,

che stai ascoltando quello che dico,

che mi stai guardandomi davvero.

 

Perché ne sono convinta.

I loro capricci sono prima di tutto una richiesta di attenzione e di coccole.

 

Non vogliono essere accontentati su ciò che in quel momento ci chiedono,

questo gioco o questo vestito.

 

Hanno bisogno di sentirci ferme ma anche amorevoli,

disponibili a spiegare, a proporre soluzioni.

 

Hanno bisogno che non cediamo a ogni loro richiesta,

ma siamo pronte a trasformare uno scontro in un abbraccio.

 


The following two tabs change content below.
Architetto, illustratrice, mamma di due bambine

Ultimi post di felicia (vedi tutti)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *